Chi è la Pasionaria?

Barbara

La Pasionaria di queste pagine non è Dolores Ibárruri, la famosa rivoluzionaria spagnola, purtroppo.

Tantomeno è il personaggio del “Corrierino delle Famiglie” di Guareschi: la terribile figlia Carlotta al quale lo scrittore ha dedicato le sue pagine più belle, almeno secondo me.

La Pasionaria che scrive questo blog, invece, è un personaggio reale e non di fantasia, ma si fa chiamare così perché le piacciono le donne forti con una spiccata personalità.

Vive a Bologna, ha una Laurea in Economia, in orario d’ufficio svolge un rispettabile lavoro impiegatizio, mentre di notte pratica da quando aveva tre anni la sua passione assolutamente confessabile: leggere.

A scrivere invece ha iniziato solo da qualche anno, dopo che ha frequentato dei corsi di scrittura: il primo è stato quello tenuto da Gianluca Morozzi e poi ci sono stati quelli di Paolo Nori doveseduta su uno scomodo sgabello Marius Ikea, la Pasionaria certe sera va ancora adesso a sentir parlare di libri.

Le soddisfazioni nella vita sono altre comunque anche essere arrivata terza a un premio letterario, il 6 giugno del 2014, il Premio Nanà di Avagliano editore (ma sarà vero? La Pasionaria è ancora incredula), non le è dispiaciuto.

Operazione B.I.S.C.O.T.T.O. - Giallo breve ma intricatissimo

A dicembre 2015 per Maglio Editore è uscito il suo primo racconto per ragazzi: Operazione B.I.S.C.O.T.T.O.,

una storia per ragazzi tra giallo e fantascienza che parte da misteriose sparizioni di dolci e poi diventa un intrigo internazionale dove La Pasionaria ha provato a metterci dentro anche altre cose tipo:

-la fatica che si fa a fare i genitori,
– la spinosa faccenda che le madri ogni tanto si sbagliano e di tanto in tanto anche se non vorrebbero, sbroccano,
– il fatto che i genitori non sempre riescono a vivere assieme e se si separano magari -anche se ai bambini non sembra- quella è la soluzione migliore,
– la voglia che si può avere di fare cose solo per sfidare qualcuno (che non sempre porta a qualcosa di buono),
– il fatto che nella vita capita di sbagliarsi sia sulle persone che sulle cose, e l’importante è riconoscere i propri errori e ricominciare tutto daccapo,
– che i sogni sono importanti e se si vuole una cosa davvero, bisogna impegnarsi tantissimo: non è detto che quella cosa accadrà, ma non accadrà sicuramente se non ci si prova neppure.

 

lat-monster-696Per un po’ di tempo, La Pasionaria ha avuto una motocicletta potente, una Ducati, ma poi l’ha venduta.

 

 

 

Le piace il mare e ama le barche a vela: se potesse scegliere, vivrebbe a due passi da un porto.

 

familySegni particolari: madre di quattro figlie, di età varia tra i cinque e i diciannove anni,

e prima che me lo chiediate: «Tutte e quattro, femmine?»,

tutte e quattro femmine, sì.

Lo so, statisticamente è un fatto improbabile, però è successo.

E poi nient’altro, anzi sì, dimenticavo: si chiama Barbara Galli.

 

P.S. Se fosse una blogger seria La Pasionaria avrebbe la sezione a parte: “Parlano di me” dove raccoglierebbe i link che la riguardano.

Lì trovereste che è stata citata nel libro: “Narrarsi on line di Francesca Sanzo” che scrive tra l’altro che il blog de La Pasionaria è una “palestra di ironia e scrittura” e “il suo stile, molto personale, è subito evidente, così com’è evidente il sarcasmo e l’autoironia che la contraddistinguono come blogger”.

Ecco questa cosa qui, essere citata in un libro che parla di #scrivere e di #storytelling, lo ammetto, è una gran bella soddisfazione.